TOFD su saldature

Il controllo TOFD (Time of Flight Diffraction) è uno dei controlli ultrasonori avanzati che trova sempre maggior applicazione specialmente per il controllo di saldature di grosso spessore e quando la misura dell’estensione di una discontinuità lungo lo spessore (altezza dell’indicazione) è un obiettivo primario dell’ispezione.

Abbiamo un’esperienza decennale per quanto riguarda in generale il controllo TOFD, iniziata con il controllo di saldature longitudinali di tubi, estesa in seguito con il controllo di saldature di carpenterie pesanti, apparecchi a pressione di svariate dimensioni e spessori.
Disponiamo di tutto l’occorrente per eseguire i controlli TOFD su saldature in conformità con le normative di riferimento di maggior uso (Es. EN ISO 10863:2011 / Codice ASME Sez. V & VIII)

Attrezzature:
Strumenti: OMNISCAN MX1 o MX2
Acquisizione dati direttamente tramite Omniscan o software Tomoview.
Sonde: Olympus da 2 a 15 Mhz
Scanner: manuali o motorizzati (Olympus o IMG)

Qualifica del personale.
Il personale è qualificato e certificato secondo i requisiti della Norma ISO 10863 o del codice ASME.
La documentazione relativa alla qualifica e certificazione del personale è disponibile quando una verifica viene richiesta.

Le principali applicazioni di nostra competenza sono:

  • Controllo di saldature longitudinali o circonferenziali su tubi o apparecchi a pressione di svariate dimensioni, utilizzando scanner manuali o motorizzati.
  • Ispezioni per localizzare e dimensionare con maggior precisione discontinuità rilevate con metodi tradizionali (es. UT manuali o RT) in un determinato componente.
  • Consulenza per valutare la fattibilità o convenienza dell’applicazione del controllo TOFD per specifiche applicazioni.
  • Preparazione di procedure di controllo per specifiche applicazioni.

Una nota a parte la dedichiamo al controllo di saldature di spessore relativamente basso (8-12 mm), per il quale possiamo vantare un’esperienza molto importante maturata nell’ambito dei controlli Tofd-Phased Array che abbiamo eseguito su quasi tutte le paratoie del MOSE (Progetto per la realizzazione di barriere mobili per la protezione di Venezia dall’acqua alta) che ci ha impegnato con continuità dal 2013 al 2017 (a questo riguardo, vedi sezione specifica del sito).