Spessimetrie mediante ultrasuoni

Per la misurazione dello spessore di un pezzo, utilizziamo strumenti appositi per questo tipo di controllo chiamati per l’appunto “spessimetri ad ultrasuoni”. Solitamente è un controllo che viene eseguito impiegando solamente un tecnico che può facilmente memorizzare nello strumento centinaia di misurazioni.
Le misurazioni vengono eseguite secondo il metodo “pulse-echo” che si basa sulla misura del tempo impiegato dall’impulso ultrasonoro per percorrere lo spessore da misurare.

Disponiamo di diversi tipi di strumenti (portatili):

  • Spessimetri che forniscono una presentazione del segnale di tipo numerico, ossia lo strumento dispone di un display sul quale compare solamente il valore numerico dello spessore misurato (Es. GE PoketMike)
    Questi strumenti li utilizziamo solitamente su pezzi di geometria semplice su materiali di buona qualità.
  • Spessimetri che forniscono una presentazione sia di tipo numerico sia anche una rappresentazione A-scan, impiegati quando può esserci un rischio di false misure causa la geometria del pezzo o il tipo di materiale (Es. GE DMS2 o Olympus 45MG).
  • Spessimetri che sono inglobati in apparecchi ad ultrasuoni impiegati per difettoscopia che forniscono una presentazione sia numerica che con rappresentazione A-scan. (Es. GE DMS-Go)

Disponiamo di vari tipi di sonde, singole e doppie, con varie frequenze e dimensioni per svariate applicazioni, tra cui:

  • misure di spessore su pezzi ad alta temperatura fino a 538 °C
  • misure di spessore su superfici verniciate o con rivestimenti fino a 25 mm, senza dover rimuovere lo strato protettivo.

Questi strumenti e sonde vengono utilizzati anche per stabilire la velocità ultrasonora di un dato materiale. In questo caso è necessario realizzare un opportuno blocchetto a gradini dello stesso materiale in esame.