Controllo con liquidi penetranti

L’esame con liquidi penetranti è un controllo esclusivamente superficiale in cui la discontinuità per essere rilevata, deve essere affiorante in superficie per consentire l’entrata del liquido penetrante al suo interno per capillarità.

È tra i più conosciuti e usati metodi di controllo non distruttivo per la grande versatilità di impiego e “l’apparente” facilità di esecuzione. Si può applicare su qualunque materiale metallico o non metallico (resine, plastiche ecc) . purché non siano eccessivamente porosi e siano inerti ai prodotti impiegati per l’esame. Spesso il controllo con liquidi penetranti viene usato su materiali non magnetici (acciai inossidabili, alluminio) sui quali non è applicabile il controllo magnetico.

Cricche, sovrapposizioni, ripiegature, porosità, mancanze di fusione, fenditure passanti (rivelazione di fughe) sono tra i più frequenti difetti che vengono rilevati con il controllo con Liquidi penetranti.

Il controllo con Liquidi penetranti può essere eseguito in modo manuale, usando le comuni bombolette spray o pennelli per l’applicazione dei prodotti, semi-automatico o automatico che richiedono impianti fissi studiati “a misura” per ogni specifica esigenza.

Tecnocontrol non è attrezzata di impianti fissi, ma esegue i controlli con Liquidi penetranti quasi esclusivamente presso terzi (cantieri, officine) impiegando il metodo manuale, prodotti certificati e personale qualificato con provata esperienza.

I prodotti che utilizziamo li testiamo all’occorrenza per valutare il livello di sensibilità, utilizzando gli opportuni blocchi di riferimento previsti dalle principali Norme di riferimento (es. Blocchi ASME A e B , Blocchi ISO 3452-3 nr. 1 e 2)

Le più frequenti applicazioni di nostra competenza sono:

  • Controlli durante il processo di saldatura (PT sui lembi a saldare, PT su passate intermedie (meno frequente), saldatura finite, riprese a rovescio, zone riparate, ecc.).
  • Controlli su componenti finiti di macchina (rulli, ruote dentate, alberi motore, ecc.).
  • Controlli su placcature nei recipienti a pressione del settore petrolchimico.